JUSTYN NOREK

Justyn Aleksander Norek è un designer italiano di origine polacche. Dopo gli studi in ingegneria ed arte fatti in Polonia, lascia il suo paese per inseguire il suo sogno di imparare il mestiere ed il modo italiano di disegnare automobili e nel 1980 approda a Torino dove inizia la sua carriera come Car Designer. Viene assunto come designer in I.DE.A. Institute dove, dal 1983 al 1993, lavora al fianco di designers affermati come Ercole Spada e Walter Da Silva, che hanno una grande importanza nella sua formazione. Un rilievo importante nella sua crescita come designer ce l’hanno anche l’arch. Mario Maioli, Franco Mantegazza titolare di I.DE.A. Institute ed il leggendario Ingegnere Rudolf Hruska.

Nel 1993, dopo il ritorno di Ercole Spada alla Zagato, accetta la proposta di guidare Centro Stile di I.DE.A. Institute insieme al suo vice Francois Lampreia, responsabile degli interni, dove rimane fino al 2006. Di carattere schivo e modesto, preferisce che parlino i suoi progetti al suo. Piuttosto preferisce parlare del futuro del design e delle sue grandi passione come l’arte e l’architettura.

Nei suoi anni all’I.DE.A. Institute, insieme ad un team di eccellenti designers, tecnici progettisti e modellatori realizza molti prototipi di ricerca e studi di produzione come la Grigua del 1992, un prototipo di vettura multifunzionale a tre posti, caratterizzata da uno spazio interno molto flessibile ed abitabile. Il posto di guida centrale e l’ampia vetratura, che si estende anche al di sotto della linea di cintura, sono gli elementi caratterizzanti della vettura. Il concetto della citycar multifunzionale verrà ripreso da Norek anche nel 1994 con la Gritta, uno studio di fattibilità che presenta molte soluzioni innovative anche attraverso l’uso di componentistica di grande serie.

Nel 1994 Norek disegna la Fiat Lampo. Un progetto di coupè su base Punto, fatto su richiesta della Fiat, da esporre al Salone di Torino per mostrare le possibili interpretazioni della nuova auto. La piccola coupè mostra un design molto caratterizzato, da sportiva decisa, ma senza spigolosità.

Un altro studio molto interessante proposto da Justyn Norek sulla tipologia del monovolume, viene invece condotto con il progetto Vuscià del 1996, basato sul pianale della Fiat Bravo. La vettura risponde alle richieste di una clientela sempre più esigente che vuole una vettura spaziosa, flessibile e magari anche dall’accento sportivo. La Vuscià si presenta proprio in questi termini, le linee da monovolume non nascondono le altre tipologie di auto. Ad un frontale grintoso e molto caratterizzato, fa da contraltare una linea morbida che parte dal padiglione per finire alla coda tronca, l’ampia vetratura la rende estremamente luminosa e vivibile.

Sempre come Head Designer alla I.DE.A. Institute, Norek progetta diverse tipologie di prototipi come la vettura elettrica DACC II per Daewoo. Molto significativi sono poi i lavori effettuati per la compagnia indiana Tata, per la quale realizza diverse auto, come la Tata Aria Roadster e Coupè, la Indica e la Cliffrider. Nel periodo alla I.DE.A. Institute si occupa anche di design industriale creando progetti di televisori, telecamere, elettrodomestici, biciclette ed arredamento.

Nel 2001 al Salone di Torino I.DE.A. Institute presenta la KAZ (acronimo di Keio Advanced Zero-Emission), un concetto di limousine di lusso a zero emissioni. La vettura era alimentata da batterie al litio ed aveva ben otto ruote, ognuna alimentata da un motore elettrico da 74 CV di potenza. Aldilà del design un po’ sconcertante, la vettura presenta molte innovazioni tecnologiche, inoltre l’interno è stato sviluppato per offrire il massimo comfort con i posti che hanno diverse possibilità di modulazione.

Dopo la lunga esperienza all’I.DE.A., Norek matura l’idea di fondare, insieme ad altri soci, una società di design e nel 2006 nasce la Trilix, di cui è ovviamente lo stilista principale. Di questo periodo il progetto più importante è senz'altro lo studio di una vettura compatta, ma spaziosa come la Tata Nano Europa, presentata al Salone di Ginevra del 2009 e in versione elettrica l’anno seguente.

Nel 2013 dopo aver ormai consolidato la struttura della TRILIX, si ritira da ritmi e viaggi di lavoro per concentrarsi su cose per le quali prima non aveva tempo, come seguire il figlio nelle attività sportive, dipingere, fare fotografie e disegnare ancora qualche vettura…

Si ringrazia il Sig. Justyn Norek per la gentile collaborazione e per l'uso dei suoi disegni a corredo dell'articolo.

1992 IDEA Institute Grigua
1993 IDEA Institute Grigua Off Road
1994 IDEA Institute Gritta
1995 Daewoo NO. 1
1996-2000 Fiat Palio
1996 IDEA Institute Fiat Vuscià
1994 Bozzetto per Fiat Lampo
1994 IDEA Fiat Lampo
1994/1995 Studio per vettura "Bipiano"
1995 Daewoo DACC II
1999 IDEA Institute One
2000 Tata Aria Roadster
2001 IDEA Institute KAZ
2002 Tata Indiva
2009 Tana Nano Europa