.::   1992 BIZZARRINI BZ-2001   ::.


Le specifiche potrebbero non essere precise
DETTAGLI
Costruttore Bizzarrini
Modello BZ-2001
Presentazione 1992
Design n/d

MOTORE
Tipo n/d
Cilindrata (cc) 4942
Potenza (cv) 360

DIMENSIONI
Lunghezza (mm) n/d
Larghezza (mm) 2159
Altezza (mm) n/d

PERFORMANCE
Velocità (km/h) 300
0-100 3,6 sec.
   


La Bizzarrini BZ-2001 è un prototipo one-off commissionato dall'agente immobiliare e appassionato di automobili Barry Watkins e costruito, su indicazioni di quest'ultimo, tra il 1992 ed il 1994.

Attraverso un'amicizia comune Watkins incontra l'ingegnere Giotto Bizzarrini, gli mostra la sua idea e gli schizzi che aveva concepito, Bizzarrini si mostra molto disponibile a far si che questo progetto possa nascere.

Watkins allora, tornato a casa, compra una Ferrari Testarossa del 1990 e rimuove l'intera carrozzeria, riprogetta il telaio costruendo una nuova piattaforma per dare vita al suo "sogno" in forma di roadster. Firma un accordo con Bizzarrini per l'uso del nome e per il pagamento delle spese di progettazione.

Entra in contatto con un project manager, tale Luis Romo, la cui azienda ha costruito diversi prototipi per la Chrysler. In pochi mesi, Romo traduce le informazioni e i disegni di Bizzarrini in un progetto reale e costruisce un modello in scala 1/5 e in seguito anche uno in grandezza naturale in argilla.

Ci vollero alcune settimane per risolvere i problemi nati dal passaggio dal modello in scala alla macchina di grandi dimensioni, ma una volta risolti e furono davanti all'auto a grandezza naturale, si resero conto di quanto fosse bella e sopratutto unica. I due hanno lavorato per settimane per affinare il modello in argilla e renderlo il più possibile simile ai disegni che Watkins aveva in mente.

Nel 1993 a Watkins furono presentati degli indonesiani che stavano trattando l'acquisto della Lamborghini. Sembravano essere molto interessati all'acquisto dei diritti di design della BZ-2001 per realizzare una concept che andasse in concorrenza con le Ferrari. Purtroppo però quando gli indonesiani comprarono la Lamborghini il progetto di Watkins finì nel dimenticatoio.

La costruzione dell'auto, senza l'appoggio di una casa ufficiale, portò via molte delle risorse economiche di Watkins, ma alla fine quando l'auto fu terminata e venne esposta in diversi Auto Show sul suolo americano ricevette numerosi premi e riconoscimenti per il design. Fu la soddisfazione maggiore.


Fonte: Estratto da Sundulos World Motorsports
Image Credit: -