.::  2010 PININFARINA ALFA ROMEO 2UETTOTTANTA  ::.


Le specifiche potrebbero non essere precise
DETTAGLI
Costruttore Pininfarina
Modello Alfa Romeo 2uettottanta
Presentazione Ginevra, 2010
Design Pininfarina

MOTORE
Tipo Alfa Romeo
Cilindrata (cc) 1750 Turbo
Potenza (cv) 200

DIMENSIONI
Lunghezza (mm) 4212
Larghezza (mm) 1797
Altezza (mm) 1280

PERFORMANCE
Velocità (km/h) n/d
0-100 n/d
   


2uettottanta è un nome che evoca il mito della Duetto e, al tempo stesso, celebra gli anni di attività di Pininfarina, che proprio con questa concept car ha voluto dare il via ai festeggiamenti per il suo 80° compleanno presentandola in anteprima mondiale al Salone dell’Automobile di Ginevra del 2010.

Come i migliori spider Alfa Romeo, nati dalla matita di Pininfarina, 2uettottanta esalta l’esperienza di guida e si concentra sull’emozione di trovarsi al volante di una vettura scoperta e dalla grande personalità estetica.

Di colore rosso acceso, ispirato al tipico colore “Alfa Romeo”, la 2uettottanta è una due posti che si ispira alla “1750 Veloce” del 1968. Il design esalta la semplicità, l’agilità e l’armonia attraverso volumi leggeri, snelli e raffinati e proporzioni dinamiche e sportive.

Il frontale sottolinea il carattere vero della Casa del Biscione: ben in evidenza al centro lo scudetto Alfa Romeo, che sembra nascere dal cuore della vettura e protendersi verso l’esterno, secondo l’interpretazione in chiave futuristica e tridimensionale di Pininfarina.

Ai suoi lati, invece, sono situate le due prese d’aria laterali, a forma triangolare. Il parabrezza, pensato come un anello in alluminio battuto a mano, emerge dal volume dell’auto senza tuttavia interromperne la lettura.

I fari anteriori, basati sulle ultime tecnologie LED, sono incastonati sotto la linea che dà carattere a tutta la vettura. Una fascia in carbonio nella parte inferiore del frontale agisce da splitter convogliando l’aria verso la parte posteriore della vettura.

La vista laterale mette in evidenza l’andamento filante dell’insieme, le forme fuse in modo naturale.

Grande dinamicità viene impressa dal segno orizzontale "scavato" nelle fiancate che, partendo dal passaggio della ruota anteriore, si prolunga fino a giungere alla ruota posteriore. Superfici levigate, essenziali e morbide anche nel posteriore, la cui impronta fa eco a quella del frontale.

Grande attenzione è stata posta all’aerodinamica complessiva della vettura per garantire il massimo dell’efficienza e del rispetto ambientale e al design degli interni: il risultato è un abitacolo spazioso e confortevole, concepito su volumi leggeri, dinamici, che si avvolgono attorno ai passeggeri in un abbraccio forte e rassicurante.

Il volume plancia si sviluppa con un movimento fluido verso i fianchi fino a diventare vano porta ed è una naturale prosecuzione della volumetria dell’auto, creando così una perfetta simbiosi tra esterno ed interno.

Il cruscotto ha un’impostazione driver-oriented con interpretazione innovativa dei classici “canotti” circolari Alfa Romeo che ospitano la strumentazione. Il tunnel ospita, in posizione ergonomica, il selettore Alfa DNA, in grado di variare il setup della vettura, in base alle esigenze del driver e alle diverse condizioni di guida.

Ulteriore elemento forte dell’interno è il volante, reinterpretazione in chiave moderna di quello a tre razze forate del Duetto, con l’integrazione dello shift paddle per il comando sequenziale del cambio a doppia frizione.

Piacere di guida e confort sono garantiti anche da sedili ergonomici a conformazione sportiva. Infine dimensioni e disegno delle gomme, realizzate specificamente per la 2uettottanta in collaborazione con Dunlop, accentuano l'impressione di grande personalità e forza del modello.

Fonte: Pininfarina
Image Credit: Pininfarina