1969 GHIA LANCIA FULVIA COMPETIZIONE

La Lancia Fulvia 1600 Competizione, disegnata da Tom Tjaarda e carrozzata dalla Ghia doveva essere nello stesso tempo una macchina da corsa, un «annuncio» pubblicitario da esporre ai Saloni ed il prototipo di un'eventuale produzione in serie.

Per adeguarsi alle esigenze delle competizioni, la carrozzeria venne costruita in alluminio, usando l’acciaio nei rinforzi strutturali quali il piantone posteriore della porta integrante il roll-bar, ecc.

Al retro della vettura venne aggiunto un alettone regolabile in altezza per verificarne, essendo una trazione anteriore, l'efficacia nelle varie posizioni. In quella di riposo l’alettone integra senza soluzione di continuità la superficie orizzontale del padiglione. L’interno venne ridotto all’essenziale, senza alcun rivestimento.

L'assale rigido posteriore fu sostituito da due semiassi oscillanti indipendenti ed un grande serbatoio in alluminio venne aggiunto nel vano posteriore.

Dovendo essere anche una «show-car» ed un prototipo riproducibile in un certo numero di esemplari, bisognava che i requisiti strettamente funzionali dell’auto da competizione si integrassero in un assieme armonico e stilisticamente pregevole.


Fonte: Style Auto 2/1969
Image Credit: Ghia
DETTAGLI TECNICI
Costruttore Ghia
Modello Lancia Fulvia Competizione
Presentazione Torino, 1969
Design Tom Tjaarda (Ghia)
Tipo Motore Lancia
Cilindrata (cc) 1600
Potenza (cv) n.d.
Lunghezza (mm) n.d.
Larghezza (mm) n.d.
Altezza n.d.
Peso (kg) n.d.
Velocità (km/h) n.d.