.::  1955 GHIA FERRARI 375 MM COUPE' (ESEMPLARE UNICO)  ::.


Le specifiche potrebbero non essere precise
DETTAGLI
Costruttore Ghia
Modello Ferrari 375 Mille Miglia Coupè
Presentazione Torino, 1955
Design n/d

MOTORE
Tipo Ferrari V12
Cilindrata (cc) 4522
Potenza (cv) 340

DIMENSIONI
Lunghezza (mm) n/d
Larghezza (mm) n/d
Altezza (mm) n/d

PERFORMANCE
Velocità (km/h) n/d
0-100 n/d
   




Enzo Ferrari è stato un maestro nel mobilitare l'appoggio di ricchi mecenati. I clienti privati furono la base della Scuderia Ferrari, il fondamento della reputazione della Ferrari e dei rapporti che favorirono il brillante successo del marchio Ferrari negli anni successivi alla seconda guerra mondiale.

Il rapporto della Ferrari con i suoi mecenati non fu casuale. È stato accuratamente calcolato e facilitato attraverso una rete di agenti fidati come Luigi Chinetti in America, la Maranello Concessionaires nel Regno Unito e il Garage Francorchamps in Belgio.

Gli agenti non solo promossero la Ferrari attraverso i loro sforzi, ma coltivarono rapporti anche con ricchi e importanti clienti per le gran turismo di lusso della Ferrari, gli industriali, i reali, i finanzieri e le stelle del cinema, che avrebbero pagato cifre enormi per avere una Ferrari ad alte prestazioni, vestita con un'esclusiva carrozzeria di produzione limitata ed impreziosita da interni alla moda e opulenti.

Il motore creato da Lampredi per la 375 MM era un vero gioiello, un singolo albero a camme in testa con rulli e molle a tazza e doppia accensione a magnete. Un cambio a quattro velocità completamente sincronizzato fu montato sul motore ed azionato da una frizione multidisco.

Il telaio della 375 MM era quello di una Ferrari tradizionale, basata su due tubi ovali paralleli in una struttura a scaletta saldata.

Come suggerisce il nome, la 375 Mille Miglia era destinata alle strade aperte e ai circuiti ad alta velocità delle gare europee. Il comportamento prevedibile e la costruzione robusta erano le sue caratteristiche.

La 375 MM è stato uno dei modelli più prolifici della Ferrari e sono oggi tra le più importanti ed ambite tra le classiche della Ferrari degli anni Cinquanta. Ventisei modelli sono stati realizzati da Pinin Farina in configurazione berlinetta, spyder o macchine da corsa, una soltanto dalla Ghia, per il cliente americano Robert Wilke di Milwaukee.

Robert Wilke era proprietario della società Leader Cards di Milwaukee, nel Wisconsin, la sua ditta trasformava prodotti cartacei in buste, cartoncini e imballaggi di alta qualità. Un uomo d'affari di successo. Era esattamente il tipo di mecenate a cui la Ferrari faceva appello, lui e Luigi Chinetti costruirono uno stretto rapporto che portò alla proprietà di Wilke una serie di sei Ferrari in soli dieci anni.

Le Ferrari di Robert Wilke non erano le berlinette e gli spider veloci, rumorose e spartane, ma erano eleganti, lussuosi e confortevoli coupé.

Il telaio della 375 MM fu consegnato a Ghia il 24 novembre 1954. Alimentata dal V12 da 4,5 litri, con tre carburatori Weber 42 DCZ 3 sprigionava 340cv a 7.000 giri/min. Una combinazione motore/telaio particolarmente potente ed eccitante per una vettura da esposizione destinata ad essere guidato per strada.

Il design di Ghia era caratterizzato da una grande griglia a uovo circondata da cromature e da un paraurti anteriore che accentuava le dimensioni della calandra. Le prese d'aria nei parafanghi anteriori e nei pannelli del tetto lasciavano intuire le origini da competizione del telaio 375 MM, mentre le finiture cromate sottolineavano la parte superiore dei bordi dei parafanghi posteriori e delineavano i colori contrastanti della vernice che venivano trasferiti agli interni lussuosamente rifiniti.

La coupé 375 MM di Ghia è stato il complemento perfetto per la dichiarazione di stile aerodinamica estrema della Ghia Gilda e deve aver conquistato anche Robert Wilke, che la prese in consegna da Luigi Chinetti dopo che l'auto fu esposta al New York Auto Show nel 1955.


Fonte: Ghia - Story by Rick Carey
Image Credit: Ghia