CARROZZERIA FISSORE: CRONOLOGIA REALIZZAZIONI


1954 Fiat 1100 TV Coupè
1957 Fiat 600 M Marinella
1961 DKW Vemag Fissore
1961 Osca 1600 GT
1964 De Tomaso Vallelunga
1964 Fiat 1600 Coupè
1964 Elva BMW GT
1965 Aruanda
1965 TVR Trident

1967 Vemag Fissore
1968 TVR Coupè
1969 Mongho 650
1970 Monteverdi Hai 450

CARROZZERIA FISSORE: CENNI STORICI



Carrozzeria sorta nel 1920 a Savigliano (Cuneo) per iniziativa di quattro fratelli, Antonio, Bernardo, Costanzo e Giovanni Fissore, che avviano la costruzione di carrozze a cavalli e di carri agricoli.
Dopo alcuni anni la continua espansione dell'automobile convince i fratelli Fissore a dedicarsi alia carrozzeria automobilistica, limitandosi a lavori di riparazioni e di trasformazione.

Dal 1945, nelle officine risparmiate dalla guerra, si costruiscono veicoli speciali (autobus, autofrigoriferi, autoambulanze); in pochi anni l'azienda ha un rapido sviluppo e inizia la progettazione e la realizzazione di prototipi di vetture per conto di alcune Case straniere.
Nel 1960 la Fissore stipula un accordo con l'Auto Union-DKW spagnola e argentina per la costruzione della 1000 SP, versione coupe e cabriolet della 1000 tedesca. A questa seguono le coupe Fiat 1500 e Osca 1600 GT, oltre ad alcuni veicoli pubblicitari.

Al Salone di Torino del 1964, vengono espo-ste la De Tomaso Vallelunga e un interessante prototipo Elva-BMW GT 160 S con motore posteriore di 2 litri. L'anno seguente la Fissore realizza le coupe TVR Trident (motore Ford di 4,2 litri), una Volvo P 1800 (modificata nel padiglione) e una vettura da citta, la Aruanda.

La carrozzeria di Savigliano, in quello stesso periodo, accetta una commessa della DKW-Vemag, l'affiliata brasiliana della Casa tedesca, per una coupè su telaio Auto Union 1000. Nel 1968 inizia la collaborazione con il costruttore svizzero Peter Monteverdi per la progettazione e costruzione in piccola serie di vetture sportive con meccanica Chrysler. Al Salone di Torino del 1969 debutta la Mongho, una vettura disegnata dallo stilista torinese Aldo Sessano, con telaio Fiat 500 elaborate da Giannini e cilindrata di 650 cc. Nel 1971 la Fissore diventa societa per azioni e i figli di Bernardo Fissore, Fernanda e Sergio, ne assumono rispettivamente la presidenza e la vicepresidenza. Sempre in quell'anno viene presentata la Scout, un fuoristrada con meccanica Fiat 127.

Verso la metà degli anni '70 l'azienda, tuttavia, non riesce a superare la crisi del settore e nel 1984 viene liquidata.

Si ringrazia l'arch. Paolo Fissore per le precisazioni sulle realizzazioni della Carrozzeria Fissore.


Fonte: Milleruote