.::  2002 NISSAN YANYA  ::.


Le specifiche potrebbero non essere precise
DETTAGLI
Costruttore Nissan
Modello Yanya
Presentazione Ginevra, 2002
Design n/d

MOTORE
Tipo n/d
Cilindrata (cc) n/d
Potenza (cv) n/d

DIMENSIONI
Lunghezza (mm) n/d
Larghezza (mm) n/d
Altezza (mm) n/d

PERFORMANCE
Velocità (km/h) n/d
0-100 n/d
   


La concept car Yanya è un Suv del segmento B che Nissan ha progettato pensando di definire nuovi limiti di flessibilità e tecnologia per i giovani della prossima generazione. Pratica, altamente tecnologica, elegante ma economicamente accessibile: Yanya sembra avere tutte le carte in regola per attirare l’attenzione degli abitanti del villaggio globale del futuro.

Quotidianità e tempo libero combaciano perfettamente a bordo della concept car giapponese, che è caratterizzata da un inconfondibile taglio da Suv nelle linee esterne e da un fantasioso impiego all’interno di materiali morbidi e resistenti e di avanzatissimi sistemi di telecomunicazione e d’intrattenimento. In realtà Yanya è più di un Suv: grazie al carattere innovativo e flessibile dell’interno e della sezione del tetto, si trasforma in un SUT (Sports Utility Truck). Mentre i 4x4 tradizionali risultano spesso stilisticamente molto aggressivi con una linea che enfatizza la loro forza e potenza, Yanya mostra una caratterizzazione più elegante, in sintonia con la personalità ed i gusti dei giovani di città.

La carrozzeria squadrata non solo rappresenta il senso di libertà di spirito ma suggerisce anche forza e integrità. Le porte creano una pronunciata bombatura su entrambi i lati. Ciò non risponde solo a criteri estetici ma anche ad una finalità estremamente pratica: l’aumento della profondità delle porte che ha permesso di creare all’interno di quelle anteriori degli spazi di stivaggio in più grazie agli speciali portatutto perforati asportabili, che si inseriscono in contenitori scorrevoli. Anche il portellone posteriore è di concezione ingegnosa e intrigante. Tutti i pannelli rimuovibili del tetto, ed il lunotto posteriore, possono essere stivati nella sua sezione inferiore. Ed anziché essere incernierato in basso o lateralmente, come di norma, un telaio in acciaio sposta leggermente all’indietro il portellone staccandolo dal posteriore della vettura e quindi lo fa abbassare verticalmente.

Alcuni componenti dell’esterno della Yanya sono rivestiti di un gel acrilico translucido. Si tratta di un moderno e tecnologico materiale morbido al tatto che si può trovare di norma nel mondo degli accessori per la moda, negli hi-fi, nei computer e nell’oggettistica di tendenza e che fornisce sulla Yanya un interessante contrasto con le parti metalliche fredde e dure del resto della carrozzeria. Lo stesso gel acrilico è impiegato con maggiore abbondanza e con colori in sintonia con certe funzioni all’interno della concept car. I sedili posteriori possono essere ripiegati e fatti scorrere in avanti sin contro quelli anteriori. Come il resto di questa innovativa concept, anche il meccanismo di ripiegamento dei sedili non è convenzionale. Come a teatro, i cuscini sono imperniati dalla parte posteriore in modo da potersi ripiegare verso l’alto.

Ciascun sedile ha propri altoparlanti sistemati nei poggiatesta: un’utile soluzione che permette a ciascun passeggero di scegliere il livello sonoro più adatto ai propri gusti. Inoltre, i sedili anteriori possono essere girati a fronte di quelli posteriori. Proprio per questa configurazione si è pensato di dotare la vettura di un’unità di stivaggio indipendente sistemabile fra i sedili anteriori o quelli posteriori, che può essere spostata longitudinalmente in posizione centrale lungo il binario specifico sul pavimento.

Questo esclusivo box ha fianchi a scomparsa che una volta alzati formano un pratico tavolo. Esso è utilizzato anche come ricovero per i comandi a distanza per i sistemi informativi e d’intrattenimento di Yanya, oltre che per i punti di connessione internet. Per quanto riguarda la trazione integrale c’è il sistema Nissan E·4WD, costituito da un gruppo di trazione posteriore comprendente un motore elettrico, una frizione e ripartitore, un generatore che serve da alimentatore per il motore di trazione, e da una centralina 4WD che gestisce la trazione del sistema. Se le ruote anteriori slittano, la centralina 4WD attiva il generatore che produce corrente per alimentare il motore elettrico installato nella parte posteriore del veicolo.

La potenza prodotta dal motore elettrico viene trasmessa alle ruote posteriori attraverso la frizione. Nella marcia normale, la frizione per le ruote posteriori è scollegata in modo che la vettura funzioni a due ruote motrici per consumare meno. Dato che le ruote posteriori vengono comandate dal motore elettrico posteriore, non è necessario un "albero di trasmissione", realizzando così un sistema di trazione integrale senza dover sacrificare lo spazio interno. Questo tipo di soluzione risulta più leggera rispetto ad una trazione integrale convenzionale, contribuendo ad un ulteriore risparmio di carburante.


Fonte: Nissan
Image Credit: Nissan